Uno dei pregi più importanti di un buon trader che sceglie di comprare azioni è la pazienza. In particolare, la pazienza di detenere azioni di grandi società nei periodi buoni e cattivi, e anche di fronte alla grande volatilità del mercato. Per gli investitori abbastanza disciplinati da farcela, la magia del compounding farà il resto. Ma questa strategia funziona se, e solo se, le azioni scelte sono quelle di aziende effettivamente vincenti.

Con centinaia di opzioni tra cui scegliere sul mercato e nel trading online, può essere difficile trovare le risorse giuste. Per questo motivo, i nostri professionisti hanno individuato una società che, in questo momento, sta benissimo. E che, al contempo, può mantenere una posizione di leadership nel proprio settore negli anni a venire. La società in questione non è altro che il colosso farmaceutico Johnson & Johnson. Ecco perché varrebbe la pena puntare su questo titolo.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Investire in azioni Johnson & Johnson, gli analisti dicono BUY

Johnson & Johnson ha recentemente conquistato decine di prime pagine dei giornali grazie ai suoi sforzi per sviluppare un vaccino per il COVID-19. Questa opportunità potrebbe fornire una bella spinta al produttore di farmaci, a breve termine. Ma a lungo termine il gigante farmaceutico trarrà ancora più vantaggio dalla necessità mondiale di farmaci innovativi. Si tratta di un fattore fondamentale soprattutto nell’ottica di una popolazione che invecchia.

L’attività farmaceutica di Johnson & Johnson, in questo senso, è la più redditizia. Durante l’anno fiscale 2020, le vendite dei nuovi farmaci hanno raggiunto $ 45,6 miliardi, un aumento dell’8% su base annua che ha rappresentato circa il 55% delle entrate totali dell’azienda. Johnson & Johnson vanta più di una mezza dozzina di prodotti di successo. Ovvero farmaci con vendite annuali che superano il miliardo di dollari. La maggior parte delle aziende farmaceutiche si considererebbe fortunata ad avere anche solo un farmaco di questo tipo.

Un esempio è il trattamento per la psoriasi a placche, Stelara: per questo farmaco le entrate dell’anno fiscale 2020 sono aumentate del 21% a 7,7 miliardi di dollari. Un altro esempio è il trattamento contro cancro, Darzalex, che ha registrato un fatturato di 4,2 miliardi di dollari nel 2020, segnando un aumento del 39,8% rispetto all’anno fiscale precedente. Imbruvica, un altro trattamento contro il cancro, ha registrato vendite per 4,1 miliardi di dollari nel 2020, il 21% in più rispetto al 2019.

Il vantaggio di un’attività diversificata

Questi farmaci (e altri) stanno aiutando il gigante farmaceutico a recuperare alcune delle perdite che il brand sta subendo altrove. Ad esempio, le vendite del trattamento per l’artrite reumatoide, Remicade, sono diminuite del 14,4% nel 2020 a 3,7 miliardi di dollari. Il calo è dovuto alla concorrenza dei biosimilari. Ma si noti che Johnson & Johnson ha oltre due dozzine di studi clinici in fase avanzata in corso e un numero ancora maggiore di studi di fase 1 o 2.

Questi candidati offrono alla società molte opportunità per compensare i prodotti le cui vendite sono in stallo. La compagnia ha diverse approvazioni nel solo quarto trimestre del 2020. Il segmento farmaceutico di Johnson & Johnson è ben posizionato per continuare ad aggiungere nuovi prodotti alla sua offerta (o aggiungere nuove indicazioni ai prodotti esistenti) praticamente ogni trimestre.

I rischi

Una delle grandi preoccupazioni che affliggono gli investitori di Johnson & Johnson sono le cause legali che coinvolgono l’azienda. Tuttavia, la società è in grado di rilevare le perdite finanziarie derivanti dalli cause legali in corso nel proprio bilancio, quando tali perdite possono essere ragionevolmente stimate.

E avendo affrontato migliaia di tali azioni legali negli ultimi decenni, la società non ritiene che i suoi attuali problemi avranno effetto sulla sua posizione finanziaria. Ad esempio, durante l’anno fiscale 2020, il produttore di farmaci ha speso $ 5,1 miliardi in spese legali (lo stesso importo speso nel 2019). Una cifra che corrisponde a solo il 6,1% delle sue vendite per l’anno.

A parte questo potenziale vento contrario, la forza dell’attività farmaceutica dell’azienda, unita ai suoi dispositivi medici e ai segmenti di assistenza sanitaria di consumo, rende le azioni Johnson & Johnson assolutamente adatte a qualsiasi strategia di investimento a lungo termine.

Altri articoli dello stesso autore: