Nel giorno dell’IPO di Robinhood, l’app per gli investimenti che sta cambiando il modo di fare trading online, vale la pena ricordare alcuni concetti importanti. In particolare, riteniamo importante soffermarci su ciò che differenzia un neofita o un trader per caso da un vero e proprio professionista del gioco in Borsa: la strategia.

L’accessibilità che le innovazioni tecnologiche hanno permesso di applicare al trading non si traducono con: per fare trading online non serve studiare. Sarebbe falso quanto pericoloso esprimere un parere del genere.

D’altro canto, se esistesse un modo che garantisse il successo finanziario a tutti, l’intero processo degli investimenti online non sarebbe più redditizio e non avrebbe senso di esistere.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: LiquidityX

Deposito: 250$

Licenza: HCMC

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Trading online buy and hold: cosa significa?

Per farla semplice, il trading può essere classificato in trading attivo e trading passivo. Quest’ultima tipologia è legata al cosiddetto metodo buy and hold, ovvero compra e tieni. In sostanza, si individua un titolo di valore in crescita, come ad esempio le azioni Amazon, e si attende di veder aumentare il proprio portafoglio nel corso degli anni. Un approccio valido, ma spesso quando si diventa professionisti del trading si inizia ad avere voglia di essere più attivi. Soprattutto per chi desidera trasformare il trading online in un vero e proprio lavoro.

Il trading attivo

Il trading attivo comprende una lunghissima serie di strategie. Potremmo dire infinite, visto che ogni strategia di base può essere personalizzata dal trader.

Ma partiamo, appunto, dalla base. Tra le strategie di trading online più conosciute ed utilizzate possiamo menzionare:

  • Il Day Trading: è la strategia più popolare al momento, che implica l’apertura e la chiusura di una posizione sul mercato nell’arco di una singola giornata.
  • Lo Swing Trading: strategia al altissimo potenziale di profitto, è anche una delle più rischiose. L’obiettivo, qui, è quello di sfruttare le oscillazioni dei prezzi a brevissimo termine.
  • Il Position Trading: ricalca la strategia precedente, ma sul lungo termine.
  • Lo Scalping: in questo caso, il trend del prezzo è già confermato e il trader lo sfrutta per guadagni veloci. Certamente più bassi, ma meno rischiosi.

Come si diventa un professionista del trading?

Molti si domandano come iniziare a fare trading online, ma poi dimenticano di chiedersi anche come diventare professionisti.

Senza sviluppare le competenze giuste, un investimento rimarrebbe sempre un tentativo. Per vederla in maniera eccessiva, pensiamo ad un medico che non ha completato i suoi studi: può tentare una diagnosi, ma senza la parte mancante prima o poi ne sbaglierà ben più di una. Risultato: carriera finita ancor prima di avviarla.

TradingCenter.it è una guida pensata per aiutare chiunque approdi sul nostro sito ad orientarsi nel settore del gioco in Borsa nel modo giusto. Abbiamo creato uno spazio in cui l’utente può imparare a conoscere le migliori piattaforme di trading sul web, come ad esempio eToro, quali sono gli asset più gettonati, come funzionano gli scambi finanziari, leggere news e approfondimenti.

Iniziare con il piede giusto può renderti le cose davvero molto più facili.

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto
Sommario
Trading Online, quali sono le strategie più comuni e come funzionano
Nome Articolo
Trading Online, quali sono le strategie più comuni e come funzionano
Descrizione
Cosa rende un investitore del trading online un professionista? Senza dubbio, l'utilizzo di una strategia: ecco le più comuni del settore.
Autore
Sito Editore
TradingCenter.it
Logo Editore