Nelle ultime settimane, molti trader hanno cercato di prendere l’ultimo treno per comprare azioni Tesla ad un prezzo ancora accessibile, prima dell’ingresso del titolo nell’S&P500 del 21 Dicembre. Dopo una serie di rialzi, nel pre market di oggi le azioni registrano un calo, attualmente dell’1,65%. Il prezzo è sceso di quasi 10 punti dopo aver raggiunto il massimo storico di 574 dollari, nell’ultima seduta di mercato prima della pausa per il Ringraziamento.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Tesla, focus sull’inclusione nell’S&P 500

Le azioni Tesla (NASDAQ: TSLA) sono in fiamme in questi giorni. Dopo aver registrato un forte rally in un’ampia ripresa del mercato da marzo, negli ultimi 10 giorni hanno guadagnato un altro 40%. Questa ripresa sta inducendo gli investitori a chiedersi: quanto possono salire ancora?

Prima di discutere l’entità dell’inesorabile traiettoria ascendente di questo tesoro tecnologico, è importante capire cosa sta guidando il movimento. L’ultimo rally di Tesla è iniziato dopo che gli indici S&P Dow Jones hanno annunciato il 16 novembre che il produttore di auto elettriche sarà aggiunto all’indice S&P 500.

Dopo la mossa, i gestori di fondi e gli investitori che seguono da vicino l’S&P dovranno ora acquistare il titolo per sincronizzarsi con l’indice più replicato al mondo. Secondo gli analisti di Goldman Sachs, l’inclusione di Tesla nell’S&P500, prevista per il 21 dicembre, potrebbe comportare una domanda di 8 miliardi di dollari da parte dei fondi comuni di investimento statunitensi attivi a grande capitalizzazione.

Tesla è stato il titolo a grande capitalizzazione con le migliori prestazioni negli Stati Uniti quest’anno, salendo di circa il 586%. Gran parte del rialzo è stato innescato dall’ottimismo crescente sul fatto che la società con sede a Palo Alto dominerà il mercato dei veicoli elettrici nel prossimo futuro.

Lo spettacolare rally del titolo ha aiutato il co-fondatore Elon Musk ad aggiungere $ 100,3 miliardi al suo patrimonio netto, superando Bill Gates e diventando la seconda persona più ricca del mondo.

Il mese scorso, Tesla ha registrato il quinto trimestre consecutivo in profitto, battendo facilmente le stime degli analisti. Inoltre, l’azienda ha raggiunto il record del flusso di cassa libero più elevato di tutti i tempi. Da aggiungere anche il record nella produzione e nelle consegne e che questi risultati sono arrivati mentre i competitor hanno sofferto terribilmente la recessione globale innescata dalla pandemia COVID-19.

Tesla, molto più di una casa automobilistica

I trader interessati ad investire in azioni sono attratti dal titolo della società di Elon Musk anche per un altro motivo. Ovvero la convinzione di alcuni analisti che la casa automobilistica abbia più valore di quanto mostrano le valutazioni attuali del titolo. Morgan Stanley questo mese ha cambiato la sua posizione ribassista su Tesla, prevedendo che la società genererà denaro anche vendendo software e altri servizi ad alto margine.

Valutare Tesla solo sulle vendite di auto significa ignorare le molteplici attività incorporate all’interno dell’azienda. Ad esempio, i servizi di rete, lo stoccaggio di energia e le attività assicurative. Anche l’opportunità dell’internet-of-cars è reale e rappresenta un ulteriore requisito per sbloccare altri guadagni per il titolo.

Per gli analisti più ottimisti, dunque, il rally di Tesla ha ancora molto spazio per correre.

L’aumento della domanda di veicoli elettrici in Cina giocherà un ruolo importante in questo scenario. Pechino, che rappresenta la seconda economia più grande del mondo, ha deciso di incentivare aziende come Tesla nella produzione di veicoli elettrici, con l’obiettivo di rappresentare almeno il 15% di questo mercato entro il 2025.

In conclusione, Tesla sta vivendo un boom senza precedenti dopo l’inclusione nell’S&P e gli impressionanti rapporti sugli utili negli ultimi trimestri. Con queste premesse, c’è poco spazio per l’azienda per deludere le proiezioni di produzione o di domanda che il mercato si aspetta. Tuttavia, come dimostra l’attuale calo nel pre market di oggi, gli investitori dovrebbero comunque procedere con cautela.

Altri articoli dello stesso autore:

  •  
  •  
  •  
  •