Il bitcoin è salito in alto dopo un improvviso sell-off della scorsa settimana, risalendo al di sopra del valore psicologico di $ 10.000 per Bitcoin. Il prezzo del bitcoin ha guadagnato quasi $ 1.000 in poche ore ieri, salendo del 6% circa nel periodo di trading di 24 ore, anche se molte altre monete importanti, incluso l’XRP di Ripple, non sono riuscite a fare recuperi simili, con una guerra civile apparentemente in corso tra la comunità di XRP.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: 24option

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

I motivi della risalita del Bitcoin

Non sembra esserci alcun particolare fattore scatenante per l’improvvisa ripresa del prezzo del Bitcoin, anche se ci sono un certo numero di punti di riferimento di alto profilo questo mese che probabilmente avranno migliorato il sentimento, inclusa la piattaforma di criptovaluta Bakkt attentamente seguita, che sta per essere lanciata. Il più ampio mercato delle criptovalute non è riuscito a rimbalzare nella stessa misura del bitcoin, con ethereum che ha guadagnato circa il 4% durante il periodo di negoziazione e XRP in aumento di circa il 2% Nel frattempo, alcuni membri della comunità XRP hanno espresso rabbia per Ripple che vende XRP ai suoi clienti per finanziare vari investimenti.

Ripple ha rivelato a luglio un aumento trimestrale delle vendite XRP di circa il 48%. L’investitore XRP CriptoBitlord ha minacciato l’amministratore delegato di Ripple Brad Garlinghouse, e Chief Technology Officer di Ripple Joel Katz, dando un ultimatum di 60 giorni per smettere di riversare XRP se cosi non fosse l’avvertimento cita di un eventuale acquisizione della comunità.

Ripple crolla del 25%

Il prezzo di Ripple è crollato del 25% finora quest’anno, mentre il bitcoin è aumentato di circa il 200%, con il dominio del bitcoin, una misura della sua ponderazione rispetto al resto del mercato delle criptovalute, ora al 70% secondo i dati di CoinMarketCap, il più alto in 18 mesi. Garlinghouse ha difeso la vendita dei token di Ripple, dicendo che la realtà è che c’è stata una diminuzione delle vendite di volume trimestre su trimestre e da allora il tasso di inflazione dell’offerta circolante in XRP è stato inferiore a quello di bitcoin ed Ethereum.

Una petizione di change.org che chiede a Ripple di smettere di scaricare XRP ha ottenuto quasi 3.000 firme dalla sua creazione il mese scorso. L’ondulazione continua a riversare miliardi di XRP su di noi, facendo crollare il prezzo, recita la petizione. È sorprendente che questo tipo di comportamento sia ampiamente accettato nel mondo delle criptovalute. Certo è risaputo che XRP è una moneta solida con un potenziale maggiore, ma questo deve fermarsi.

Altri articoli dello stesso autore: