I legislatori statunitensi hanno lanciato nuovi piani da Bruxelles per rafforzare la vigilanza sui mercati dei derivati globali sulla scia della Brexit. Le autorità sono state irritate dai commenti rilasciati da un funzionario dell’UE in occasione di una conferenza tenutasi questo mese. Patrick Pearson, capo unità, infrastruttura dei mercati finanziari presso la commissione, ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno perso un accordo con l’UE a marzo.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Trump rischia di perdere l’appoggio dell’UE

Washington ha preoccupazioni Bruxelles non aderirà allo spirito dell’accordo, che sottolinea la necessità di fidarsi delle autorità di regolamentazione locali e di un dialogo sostenuto. I commenti minacciano di slegare la fragile relazione che i due hanno dovuto controllare dal mercato globale dei derivati dopo la crisi finanziaria. Un accordo sulla compensazione ha richiesto tre anni per concludersi ed è stato nuovamente minacciato dalla partenza del Regno Unito dall’UE.

Londra domina il mercato per la compensazione delle operazioni denominate in dollari e in euro, trasformandola in un punto di infiammabilità per entrambe le parti. Tuttavia, i piani potrebbero estendersi anche ai mercati statunitensi. Sottolineando l’indignazione percepita dai funzionari statunitensi, diversi legislatori hanno anche partecipato a una riunione della commissione per l’agricoltura della Camera a Washington mercoledì.

I commenti di Conaway accendono le parti

Mike Conaway, l’ex presidente, ha dichiarato che le osservazioni del signor Pearson sono state una profonda delusione, dopo che l’UE era apparso davanti alla commissione per testimoniare nel 2012 un approccio armonizzato alla regolamentazione del mercato globale dei derivati. Indignato, ha affermato anche che nella loro peggior luce, suggerisce che gli Stati Uniti non hanno un partner ma un concorrente nella regolamentazione del mercato finanziario. Anche nella loro luce migliore tradiscono un compiacimento che è inappropriato tra gli amici.

Tale arroganza casuale genera sfiducia, frustrazione e inutili attriti quando non si puo’ permettere il cecchinaggio intermodale. Ha concluso che ha rafforzato il sospetto che avesse tutto a che fare con la retribuzione e l’arbitraggio regolamentare competitivo. Spero di sicuro che non sia così. Se non lo è, i leader europei dovrebbero renderlo chiaro attraverso le loro parole e le loro azioni. Il presidente della Camera, David Scott, ha dichiarato di “essere d’accordo al 100%” con i commenti di Conaway.

Offese e minacce da parte degli europei

Terry Duffy, amministratore delegato di CME Group, il più grande scambio di futures al mondo, ha dichiarato che è davvero incredibile essere seduti qui oggi nella duplicità di ciò che le persone hanno detto durante il tempo. Più tardi ha espresso il suo pensiero affermando che questo sia niente di più di quello che Mr Conaway ha detto prima, e pensa che sia un po’ una retribuzione dal 2010-12 .

All’inizio di questo mese, Christopher Giancarlo, presidente della Commodity Futures Trading Commission, ha scritto al suo omologo Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea responsabile per i servizi finanziari, per ripudiare pubblicamente i suoi commenti.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error