Mentre la situazione monetaria dei social media non è così chiara, sia Dorsey che Zuckerberg sono emersi come campioni di due idee simili ma opposte; Internet ha bisogno della propria valuta, uno lo vede come centralizzato, tramite Facebook, l’altro lo vede come decentralizzato, tramite bitcoin.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Investous

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Zuckerberg sembra aver perso il primo round

Il suo progetto Libra, una criptovaluta solo per nome e governata da un gruppo di società indipendenti ma in contrazione, ha infranto governi e regolatori di tutto il mondo, molti dei quali erano già preoccupati che Facebook esercitasse troppa influenza prima che il gigantesco social media pensasse di assumere i banchieri centrali.

Zuckerberg crede che questo sia qualcosa che deve essere costruito, così ha detto ai senatori degli Stati Uniti la scorsa settimana, difendendo il coinvolgimento di Facebook nel controverso progetto della criptovaluta e sostenendo che la Libra potrebbe portare la maturità finanziaria a milioni, se non miliardi, di persone in tutto il mondo. Zuckerberg ha anche avvertito che gli Stati Uniti potrebbero rimanere indietro rispetto ad altri paesi se i legislatori si muovessero per bloccare lo sviluppo della moneta e simili progetti di moneta digitale.

I volumi del Bitcoin raggiungono i minimi storici

Dorsey, nel frattempo, conterà le sue benedizioni, con il prezzo del Bitcoin che ha messo in scena una ripresa un po’ miracolosa la scorsa settimana dopo che molti hanno temuto che stesse andando ai minimi non visti da marzo. Dorsey ha anche fatto notizia questa settimana unendosi a un gruppo di investitori che stanno mettendo insieme 10 milioni di dollari in CoinList, una startup con sede negli Stati Uniti che aiuta altre giovani aziende a raccogliere fondi attraverso la vendita di token digitali.

Tuttavia, l’innovazione e l’adozione di Bitcoin non sono riuscite a soddisfare le aspettative con i due usi principali di bitcoin e altri token digitali simili che continuano a speculare e ad acquistare sostanze illecite sul dark web. Il volume degli scambi di Bitcoin tra i dieci principali scambi di Bitcoin e criptovalute è sceso a meno di $ 200 milioni al giorno all’inizio di questo mese, secondo Bitariin e la società di dati crittografici Messari, in calo di 20 volte da un picco di $ 4 miliardi al giorno solo pochi mesi fa. In tutti i luoghi crittografici, i volumi sono negativi, ha scritto l’analista di mercato senior di eToro Mati Greenspan in un thread di Twitter, suscitando preoccupazione nel settore.

Dorsey non è tutto chiacchiere

Dorsey vuole vedere quel cambiamento e si aspetta che il Bitcoin diventi quella che ha chiamato la prima valuta nativa di Internet ed è ben posizionato per effettuare quel cambiamento attraverso le sue due società, la piattaforma di microblogging Twitter e la società di pagamenti Square. Quando gli è stato chiesto la scorsa settimana se sarebbe stato aperto a unirsi al progetto Libra di Facebook, Dorsey ha risposto con enfasi di no, parlando della Libra come non basata su uno standard aperto.

Ha lanciato Square Crypto all’inizio di quest’anno, una divisione di Square che lavorerà sullo sviluppo della rete bitcoin, assumendo lo sviluppatore di Bitcoin Matt Corallo ad agosto, insieme ad altri tre sviluppatori software affogati da Google, Lightning Labs e Facebook.

Questo è un segnale che il divario tra le due società di social media sta crescendo, Dorsey ha rivelato che Twitter (a differenza di Facebook) vieterà tutta la pubblicità politica in tutto il mondo e questo probabilmente sarà un grosso problema dato che si avvicinano le presidenziali statunitensi del 2020. La lotta per la libertà monetaria digitale potrebbe essere coinvolta nella più ampia battaglia per il futuro di Internet. Vedremo cosa faranno i trader che ogni giorno scelgono di investire in borsa.

Altri articoli dello stesso autore: