Le banche e i broker più piccoli della Cina si stanno rivolgendo alle borse per prendere in prestito denaro a breve termine. Questo per sfuggire alla tipica pressione di fine giugno sui mercati monetari e alle preoccupazioni più recenti sui rischi di credito nel settore. Le tensioni con l’America sono un ulteriore campanello d’allarme, che sta spingendo le società a crearsi una situazione meno rischiosa. Vediamo in che modo questo influenza chi sceglie di investire sulle piattaforme di trading online.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKER VANTAGGI DEPOSITO MINIMO APERTURA CONTO
Corsi Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Lo scambio dei prestiti di Shangai

Il volume degli accordi di riacquisto sulla borsa di Shanghai, in cui le banche e altre società finanziarie prendono in prestito denaro l’una dall’altra utilizzando obbligazioni come garanzia, è salito mentre i debitori cercavano un’alternativa al mercato monetario interbancario. I commercianti hanno detto che i costi di prestito più bassi in borsa e i requisiti meno stringenti per le garanzie hanno spinto i giocatori più piccoli allo scambio.

I mercati interbancari sono stati influenzati non solo dalla carenza di liquidità, ma anche dalla qualità della garanzia impegnata. I traders hanno dichiarato che le richieste di garanzie si sono irrigidite nel mercato interbancario sulla scia delle autorità di regolamentazione che si sono imposte a Baoshang Bank, con sede in Mongolia. I mutuatari potrebbero ancora impegnare le proprie obbligazioni societarie nello scambio di contratti di riacquisto, ma i creditori nei mercati interbancari si sono rivelati pignoli.

I trader si preparano alla crisi di fine giugno

Un gestore di fondi obbligazionari di Shangai ha detto che non è solo la questione della liquidità di fine trimestre nel mercato interbancario, è più un conflitto strutturale, e che se sarà risolto, le condizioni di liquidità saranno molto scarse.

I dati sui cambi hanno mostrato che i volumi di repos di 14 giorni scambiati sulla Borsa di Shanghai sono saliti a un massimo storico di 208,9 miliardi di yuan (24 miliardi di sterline) lunedì. Questo rispetto a un totale di 345,7 miliardi di yuan in tutto maggio, ad una frazione, tuttavia, dei volumi repo interbancari.

I trader hanno detto che la domanda di depositi a 14 giorni è stata particolarmente alta all’inizio di questa settimana, quando le istituzioni finanziarie non bancarie si sono affrettate a raccogliere fondi per superare la crisi di fine giugno, un periodo di requisiti regolamentari semestrali. Il costo dei fondi repo di 14 giorni sullo scambio è aumentato al 3,4% il lunedì da livelli medi di circa il 2,7% nelle due settimane precedenti.

I tassi interbancari per le banche erano vicini al 3,5% il lunedì, ma i trader hanno detto che il costo era dell’8% nel mercato interbancario over-the-counter più ampio che include i partecipanti non bancari. Il tasso ha toccato il 15% a un certo punto la scorsa settimana.

La tariffa interbancaria a 14 giorni per tutti i partecipanti ha raggiunto il 6% mercoledì, rispetto al 3,4% dello scambio. Un secondo operatore presso una banca a Shanghai ha affermato che molte banche ora richiedono agli istituti finanziari non bancari di utilizzare titoli di stato o certificati negoziabili di depositi NCD emessi da società statali come garanzia, e non tutte le obbligazioni societarie con rating AAA sono accettate.

La cina spinge le istituzioni a prestare denaro

La vigilanza finanziaria in Cina ha esortato le grandi istituzioni finanziarie non bancarie a concedere prestiti nel mercato interbancario a piccole imprese non bancarie per contribuire a ridurre le carenze di liquidità. La banca centrale ha inoltre iniettato più denaro nel sistema bancario, mentre le autorità di regolamentazione hanno ripetutamente minimizzato i rischi delle piccole istituzioni finanziarie.

Gli analisti di OCBC Bank hanno dichiarato che le banche più piccole e le istituzioni finanziarie non bancarie hanno faticato e non sono state in grado di accedere ai finanziamenti nonostante il mercato dei repo contro termine interbancario fosse stabile. Un terzo trader presso una banca cinese nella provincia di Guangdong ha detto che la maggior parte delle banche navigherà senza intoppi fino alla fine del primo semestre, ma alcune istituzioni finanziarie non bancarie sentiranno il dolore.

Altri articoli dello stesso autore:

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.