La Corte Suprema degli Stati Uniti valuterà oggi se proteggere Google di Alphabet Inc da una lunga causa legale da parte di Oracle Corp, per l’accusa di violazione di diritti d’autore sul sistema operativo Android. I trader intenzionati ad investire in Azioni nel comparto tecnologico seguono con interesse la vicenda.

Il tribunale, a corto di personale dopo la morte di Ruth Bader Ginsburg avvenuta il mese scorso, dovrebbe ascoltare le argomentazioni in appello di Google contro la sentenza di un tribunale di grado inferiore che rianima la causa in cui Oracle ha chiesto $ 8 miliardi di danni a Mountain View. L’audizione si terrà in teleconferenza a causa della pandemia di coronavirus.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

La vicenda

Nel 2016, una giuria ha scagionato Google dalle accuse mosse da Oracle. Dopodiché, nel 2018, la Corte d’Appello del Circuito Federale degli Stati Uniti ha annullato tale decisione, ritenendo che l’inclusione di Google del codice software Oracle in Android non fosse consentita dalla legge sul copyright degli Stati Uniti.

Oracle e Google, due giganti della tecnologia statunitense, con sede in California e con un fatturato annuo complessivo di oltre 190 miliardi di dollari, sono in conflitto da quando Oracle ha citato in giudizio Alphabet per violazione del copyright, nel 2010, presso il tribunale federale di San Francisco.

Nel dettaglio, Oracle ha accusato Google di aver copiato migliaia di righe di codice informatico dal suo popolare linguaggio di programmazione Java, senza una licenza, per creare Android, la piattaforma concorrente che ha poi danneggiato l’attività di Oracle.

Google sostiene che i comandi copiati in Android non violano le norme sul copyright, poiché aiutano gli sviluppatori ad innovare il software.

Detto ancor più chiaramente, anche se i comandi possono essere protetti da copyright, Google afferma che il loro utilizzo era consentito grazie alla norma “fair use” del copyright, che protegge la copia che trasforma un’opera originale. Google ha affermato che la sua copia è stata senza dubbio trasformativa poiché ha portato a una piattaforma per smartphone completamente nuova.

Il Circuito Federale, però, nel 2018 ha respinto la difesa di Google, affermando che un semplice cambiamento di formato (ad esempio, da computer desktop e laptop a smartphone e tablet) è insufficiente, per legge, per qualificarsi come un uso trasformativo.

Oracle, se oggi la Corte Suprema decidesse in suo favore, è pronta a ricalcolare la sua richiesta di risarcimento, superando gli 8 miliardi di dollari.

L’amministrazione Trump ha sostenuto Oracle nel caso, esortando i giudici a respingere l’appello di Google.

Google e Oracle sul mercato di oggi 7 ottobre

Il Titolo Oracle ha chiuso l’ultima seduta di mercato in ribasso dello 0,08%, a quota 59.51 dollari. Il prezzo si mantiene comunque vicino al massimo di 52 settimane di 62 dollari per azione.

Anche le Azioni Google hanno chiuso in ribasso l’ultima seduta di contrattazioni (-2,15%). Tuttavia, nel Pre Market di oggi, in Titolo è attualmente in rialzo dello 0,20%.

Il verdetto della Corte Suprema di oggi stabilirà un precedente molto importante in ambito tecnologico che potrebbe rivoluzionare ipiani strategici dei big del settore.

Altri articoli dello stesso autore: