Ether raggiunge i massimi di due anni e mezzo e segue Bitcoin per raggiungere livelli psicologici significativi questa settimana. Nel complesso, tutti coloro che hanno scelto di investire in criptovalute non stanno grandi risultati, fatta eccezione per BTC, LTC e ETH. Nel dettaglio, ETH è tornato a $ 500 per la prima volta in più di due anni, nella seduta di ieri. Il trend sta procedendo anche oggi con la risorsa che sta sfiorando i 510 dollari contro il dollaro USA.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Eth, l’analisi

I dati di Cointelegraph Markets, Coin360 e TradingView hanno mostrato che ETH/USD ha raggiunto velocemente una barriera psicologicamente significativa nel trading online di venerdì, prima che un rifiuto ne fermasse i progressi.

Nonostante sia stato limitato a circa il 6% di guadagni giornalieri, il risultato di Ether ha deliziato i trader. Nel complesso, nel 2020, il più grande altcoin ha sovraperformato anche Bitcoin (BTC).

I rendimenti da inizio anno si attestano al 284% per Ether e al 155% per Bitcoin.

Anche altri importanti altcoin hanno mostrato buoni movimenti. In particolare, Litecoin (LTC) ha guadagnato il 12% nell’ultima seduta, sovraperformando Bitcoin. Si tratta dell’unico grande altcoin a sovraperformare BTC nell’ultimo mese (+ 7%).

Considerati i dati attuali, gli analisti hanno prospettato che, molto probabilmente, il cambio ETH/USD supererà il suo massimo storico di 1400 dollari entro la fine del 2021.

ETH verso il miglioramento della sicurezza sulle transazioni

Nel frattempo, un nuovo gruppo di lavoro sta cercando di creare standard che garantiscano che i contratti intelligenti Ethereum siano utilizzabili in modo sicuro dalle aziende e dai progetti DeFi.

La finanza decentralizzata continua ad avere il suo impatto sul mercato delle criptovalute. Tuttavia, mentre lo spazio DeFi ha progredito nell’ultimo anno, una serie di progetti illegittimi sono giunti a buon fine, ricordando in parte il boom delle ICO del 2017 e il suo successivo fallimento.

Ad esempio, Harvest Finance, un importante protocollo decentralizzato, è stato recentemente violato. L’autore dell’attacco ha rubato 24 milioni di dollari. Sempre recentemente, Value DeFi, il protocollo principale di finanza decentralizzata, è caduto vittima di un exploit di prestito flash da 6 milioni di dollari. E, naturalmente, uno dei più grandi eventi dell’anno ha coinvolto SushiSwap, con il creatore che, vendendo $ 13 milioni di fondi per lo sviluppo, ha causato un crollo del mercato.

È importante sottolineare che la maggior parte dei progetti DeFi sono basati sulla blockchain di Ethereum (oltre 200 progetti). Tuttavia, mentre Ethereum sembra essere la piattaforma più adatta per i progetti DeFi, le vulnerabilità della rete rimane un probema da risolvere.

Le possibili soluzioni

In particolare, i contratti intelligenti che alimentano Ethereum sono noti per essere irti di problemi di sicurezza, che, a loro volta, hanno avuto un forte impatto sui progetti DeFi. Inoltre, i contratti intelligenti applicati a progetti DeFi del valore di miliardi di dollari spesso non vengono verificati in anticipo.

Tom Lindeman, ricercatore veterano presso Microsoft ed ex amministratore delegato di Ethereum Trust Alliance, ha affermato che, attualmente, non ci sono modi totalmente efficaci per identificare se un contratto intelligente è sicuro, prima di iniziare una transazione.

Nel tentativo di risolvere le sfide alla sicurezza legate agli smart contract, Lindeman si è unito al nuovo “EthTrust Security Levels Working Group” dell’Enterprise Ethereum Alliance come suo co-presidente. Secondo Lindeman, la missione del gruppo di lavoro sarà quella di continuare i progressi inizialmente avviati dalla Ethereum Trust Alliance, o ETA, che mirano a stabilire standard per transazioni di contratti intelligenti e sicure condotte sulla blockchain di Ethereum.

In particolare, il nuovo gruppo di lavoro prevede di affrontare le vulnerabilità di sicurezza negli smart contract creando uno standard e un sistema di registro per aiutare gli utenti ad acquisire una maggiore consapevolezza su come differenziare quali contratti sono stati sottoposti a rigorosi controlli di sicurezza. Sebbene il progetto sia ancora in corso, l’obiettivo è definire alcuni requisiti che gli smart contract devono mostrare per essere considerati sicuri.

Altri articoli dello stesso autore: