Per molti speculatori di criptovalute, Ethereum è stato a lungo considerato come l’unico concorrente Bitcoin (BTC) che merita effettivamente qualsiasi attenzione. Ethereum è un progetto incentrato su contratti intelligenti più complessi piuttosto che sulla sicurezza per semplicità, e il token sottostante della rete, noto come Ether (ETH), ha recentemente avuto uno dei suoi giorni migliori in assoluto rispetto al prezzo Bitcoin. L’aumento di oltre il 10% di Ethereum rispetto al prezzo di BTC di martedì è stato coperto dall’ultimo rapporto settimanale della società di ricerca sugli asset digitali Delphi Digital, che copre Bitcoin e un maggiore mercato delle criptovalute.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

2019 molto negativo per Ethereum

Nel rapporto, si nota che la recente corsa ai prezzi di Ether non significa necessariamente che gli altcoin più in generale stanno finalmente per subire un’inversione di tendenza in termini di prezzi denominati da BTC. Il 2018 e il 2019 sono stati i due anni peggiori registrati per i prezzi dei concorrenti Bitcoin più popolari e più longevi. Secondo il nuovo rapporto di Delphi Digital, Bitcoin ha ottenuto prestazioni molto migliori rispetto a quasi tutte le altre risorse crittografiche nel 2019 a causa della narrativa oro digitale. Tutti i principali altcoin sono fortemente scesi contro Bitcoin quest’anno, anche se ci sono alcune eccezioni come Binance Coin (BNB) e Chainlink (LINK). LINK ha attirato l’attenzione all’inizio di quest’anno quando ha superato l’8% di guadagni rispetto al dollaro USA su base annuale, sebbene il token basato su Ethereum sia tornato alla realtà.

Eventi economici globali, come la svalutazione dello yuan cinese e le potenziali svalutazioni di molte altre principali valute legali in tutto il mondo, quest’anno hanno suscitato un rinnovato interesse per Bitcoin come alternativa decentralizzata e apolitica alle tradizionali attività finanziarie. Queste tendenze macroeconomiche hanno portato a varie previsioni rialziste sui prezzi dei Bitcoin che vanno da $ 42.000 entro la fine del 2019 a $ 100.000 entro la fine del 2021. Allo stesso tempo, i legislatori statunitensi si stanno rendendo conto che non saranno in grado di implementare un divieto Bitcoin.

I movimenti del Bitcoin sono legati a quelli di Ethereum

Poiché il prezzo della criptovaluta principale è aumentato nel 2019, grazie agli investimenti sul Bitcoin, anche il prezzo di Ethereum è aumentato. Tuttavia, il token nativo di Ethereum non ha tenuto il passo con Bitcoin. Il rapporto Delph Digital osserva il fatto che non sorprende che ETH abbia sottoperformato il bitcoin di quest’anno con un margine significativo, guadagnando poco più del 50% rispetto al rendimento da inizio anno ad oggi del BTC (in termini di USD) del 170%.

Sebbene una volta si credesse in qualche modo prevalente che Ether potesse superare Bitcoin come la criptovaluta più preziosa del mondo, l’altcoin era in calo dell’85% rispetto a Bitcoin dal picco di quel clamore ribaltante alla fine di luglio. Il prezzo dell’ETH alla fine è sceso a livelli non visti da marzo 2017 all’inizio di questo mese, ma l’altcoin è aumentato del 25% rispetto al Bitcoin da un minimo dal 7 settembre, secondo Coin Metrics. Secondo un grafico nel recente rapporto Delphi Digital, ETH ha beneficiato del suo più grande guadagno di 24 ore contro BTC dalla fine del 2018 martedì. Tuttavia, è ancora troppo presto per dire se il salto dell’ETH questa settimana sia l’inizio di una nuova tendenza o solo un altro rimbalzo a breve termine, aggiunge il rapporto.

La linea MACD giornaliera per ETH/BTC è passata in territorio positivo dopo il crossover rialzista della scorsa settimana, anche se la storia ci ammonisce che potrebbe rivelarsi di breve durata. Anche la RSI di 14 giorni ha superato i 70 per la prima volta da febbraio, ma simili ad altri indicatori chiave bisogna vedere ulteriore forza prima di essere troppo ottimisti.

Altri articoli dello stesso autore: