La tecnologia Blockchain è solo uno strumento che risolve un problema, non può essere l’obiettivo di un intero progetto.

Nel 2017, quando tutto ciò che riguardava investire in Bitcoin, le criptovalute e la catena blockchain risultava ancora una novità interessante, sembrava che non ci sarebbe stato giorno senza un nuovo progetto rivoluzionario. Sistema finanziario decentralizzato, tracker torrent decentralizzato, sistema di documentazione dell’ufficio decentralizzato.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Tutto decentrato, tutto decentralizzato

Più ci si avvicinava al picco del prezzo del Bitcoin alla fine del 2017, più assurdi diventavano i titoli dei giornali sui nuovi progetti: “Sistema di pagamento basato su Ethereum per i lavoratori dell’industria dei macelli”, “Piattaforma decentralizzata di allevamento di cavalli nani basata su blockchain”, “Servizio bancario personale peer-to-peer per ciechi divorziati” e così via.

Chi ne avrebbe mai bisogno, ci si potrebbe chiedere. Ebbene, in molti casi, nessuno. Delle diverse migliaia di monete digitali lanciate dalla diffusione della tecnologia blockchain, solo circa 30 sono attualmente di interesse per chi desidera investire sulle criptovalute.

Infatti, oggi, molti dei token lanciati sull’onda della popolarità della blockchain stanno morendo: non hanno più nulla per cui essere scambiati. La situazione è particolarmente visibile sulle piattaforme di recensione, che memorizzano schede di centinaia di progetti chiusi, spesso insieme a recensioni di utenti arrabbiati.

Tra questi progetti, ne spicca uno per il quale gli analisti hanno individuato precise ragioni di fallimento.

Telegram Open Network

Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, Telegram dichiarò per la prima volta che aveva in programma di lanciare la propria piattaforma blockchain e la sua criptovaluta nativa.

Conosciute anche come Grams, le monete TON dovevano essere basate su Telegram Open Network, con la blockchain TON al centro della piattaforma. Nel white paper del progetto, gli sviluppatori hanno presentato questa futura moneta come una potenziale criptovaluta standard che poteva essere utilizzata per lo scambio regolare di valore nella vita quotidiana.

È stato affermato che, mentre Bitcoin (BTC) veniva considerato come l’ “oro digitale” ed Ethereum rappresentava una piattaforma per la vendita di token crowd, la nuova criptovaluta TON sarebbe stata un sostituto del denaro tradizionale e dei sistemi di pagamento tradizionali come Visa e Mastercard.

Secondo il white paper, altre criptovalute non avevano le qualità necessarie per attirare i consumatori comuni. Al contrario, Telegram sarebbe stata in grado di implementare un sistema idoneo all’uso di massa, data la sua competenza nell’archiviazione di dati crittografati distribuiti , l’esperienza nella creazione di interfacce user-friendly e un’enorme base di utenti.

Sebbene la società avesse buoni motivi per tali affermazioni, il progetto sembrò piuttosto un’enorme campagna pubblicitaria. L’offerta iniziale di monete di Telegram, lanciata nel 2018, è stata un enorme successo. L’azienda è stata in grado di raccogliere $ 1,7 miliardi dai fondi degli investitori in due round di vendita di token privati. Questo incipit sembrava davvero promettente.

Non è finita bene

Il 12 maggio 2020, Pavel Durov ha annunciato che Telegram avrebbe ufficialmente interrotto il suo coinvolgimento nel progetto dopo una lunga battaglia legale con la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. Sicuramente, l’azienda non disponeva delle risorse legali necessarie per realizzare un’idea così ambiziosa. Molto probabilmente hanno giocato un ruolo fondamentale anche le difficoltà tecniche e la forte concorrenza sul mercato.

Questo caso incarna l’intera isteria del settore delle criptovalute del 2018: un’azienda che viene coinvolta in un’impresa per la quale non è pronta, né legalmente né tecnologicamente, senza un chiaro posizionamento del prodotto. Il risultato finale è il fallimento.

Altri articoli dello stesso autore: