Per i trader impegnati ad investire in Bitcoin ancora una seduta all’insegna del ribasso. L’oro digitale, durante le prime ore di questa mattina, è sceso al di sotto del livello di $ 40.000. La notizia di ulteriori restrizioni sulle transazioni di criptovaluta in Cina si è aggiunta alle precedenti preoccupazioni suscitate dai tweet del CEO di Tesla Elon Musk. In generale, tutte le criptovalute sono in calo, inclusa la coppia ETH/USD, crollata di circa il 15%.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: LiquidityX

Deposito: 250$

Licenza: HCMC

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Bitcoin e le principali criptovalute in rosso: cosa sta succedendo

Bitcoin, la criptovaluta più grande e conosciuta al mondo, è sceso alle prime luci del mattino di circa il 9% fino a $ 38.940,04, scivolando al di sotto di una media mobile chiave di 200 giorni e del livello psicologico di 40k. Ciò significa che il token, complessivamente, è in calo del 40% dal massimo storico di $ 64.895,22 toccato il 14 aprile. Con il passare dei minuti, la coppia BTC/USD ha lievemente recuperato la perdita, portandosi al valore attuale di 39,437.0.

La stessa tragica sore ha coinvolto anche il trading su Ethereum: la moneta è scesa di circa il 15% a $ 2.875,36.

Il calo delle due criptovalute più scambiate nel trading online è stato innescato, la scorsa settimana, dal volta faccia di Musk. Tesla, che fino a quel momento accettava bitcoin come pagamento, ha deciso di tornare sui suoi passi per problemi legati all’estrazione della criptovaluta. In altri tweet si è generata un bel po’ di confusione e molti trader hanno concluso che la casa automobilistica avesse venduto le sue partecipazioni nella valuta. Su questo punto, nel weekend, è arrivata la smentita di Musk.

Tuttavia, nella giornata di ieri, la Cina ha annunciato il divieto agli istituti finanziari e alle società di pagamento di fornire servizi relativi alle transazioni di criptovaluta. Pechino ha anche lanciato un avvertimento agli investitori contro il trading speculativo di criptovaluta. Questa posizione della potenza asiatica sembra aver esacerbato la vendita di BTC e delle altre cryptocurrencies.

Dogecoin e le altre altcoin

Come premesso, tutte le principali criptovalute stanno registrando cali significativi. La coppia DOGE/USD è in ribasso del 18% a quota 0.404810. Ripple, è in una situazione meno tragica, ma la crypto non aveva raccolto, precedentemente, i rialzi record delle monete sopracitate. La coppia XRP/USD è in calo di circa il 7% e ha un valore attuale di 1.40588 dollari.

Litecoin sfiora un calo del 14%, con un valore attuale di 261.999 dollari. Cardano è in ribasso di quasi il 20% a quota 1.695548. Dash è in ribasso di oltre il 15% contro il dollaro, con un valore attuale di 261.06. Monero è in discesa di oltre il 18%, Zcash di circa il 16% e Tezos dell’8,64%.

Nonostante l’evidente sentiment negativo attuale nei confronti delle criptovalute, tra gli analisti permane un certo ottimismo. Prevalentemente, il calo viene considerato fisiologico, a causa delle ovvie prese di profitto dopo i record dei primi mesi del 2021. L’attenzione verso il settore è ormai stata suscitata e, se verranno risolte alcune problematiche relative al mining e alle piattaforme delle migliori criptovalute, la corsa potrà sicuramente riprendere.

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto