Chi ha scelto di fare Trading su Azioni Wirecard si trova a dover fare i conti con una situazione piuttosto complicata. Il titolo della compagnia tedesca è attualmente in ribasso di oltre il 17% a Francoforte, dopo lo scandalo sui 2 miliardi di dollari scomparsi dal bilancio. La variazione su 1 anno è in negativo di quasi il 90%, un collasso senza precedenti per la compagnia. La quotazione aveva ben reagito al primo forte impatto del coronavirus sulle Borse, recuperando i guadagni persi a marzo. Poi una nuova discesa a fine aprile che, dopo un primo ritracciamento, è culminata nel tracollo di queste ore.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Azioni Wirecard: il buco nel bilancio e l’arresto di Markus Braun

Tra il 20 novembre 2006 e il 24 aprile 2019, il prezzo delle azioni Wirecard è aumentato di oltre il 2000%, un ritorno sbalorditivo. A partire dal 2004, con la fusione con InfoGenie Europe AG, il gruppo ha intrapreso una crescita senza battute d’arresto. Poi il caos.

Il gruppo fintech tedesco ha visto le sue azioni crollare di oltre l’80% in due giorni, la scorsa settimana, dopo che il management ha dichiarato di non poter tracciare circa 2 miliardi di euro, ovvero un quarto del bilancio totale della società.

Lunedì, l’azienda ha commentato che, probabilmente, l’importo mancante non è mai esistito. Markus Braun, CEO del gruppo fino a venerdì, è stato arrestato in Germania, con l’accusa di aver gonfiato il bilancio. La cauzione di Braun è stata fissata a 5 milioni di euro.

Il management del gruppo ha quindi dichiarato che, in assenza di nuovi dati finanziari entro questa settimana, si deciderà per la chiusura di 2 miliardi di prestiti. Di conseguenza, Wirecard dovrà affrontare una crisi di liquidità, con l’obiettivo di trovare i fondi per rimborsare questi prestiti.

Previsioni sulla quotazione Wirecard

Sorprendentemente, prima del nuovo calo odierno, nella giornata di ieri i traders hanno spinto il prezzo del Titolo Wirecard in rialzo del 18,82%. Tuttavia, appare evidente che il futuro della società sia più che mai incerto.

L’ex CEO Markus Braun è stato rilasciato su cauzione, ma su di lui pesano le accuse di frode. L’avvocato di Braun ha dichiarato che il suo assistito non ha voluto rilasciare dichiarazioni in merito.

Sotto la sua guida, la società è cresciuta fino a diventare un fintech da $ 28 miliardi, guadagnandosi un posto, nel 2018, nell’indice blue-chip DAX della Germania.

Diverse fonti hanno riferito che i pubblici ministeri stanno anche valutando l’opportunità di emettere un mandato di cattura internazionale per l’ex direttore generale Jan Marsalek, che è stato licenziato lunedì e, secondo il quotidiano Sueddeutsche, si troverebbe attualmente nelle Filippine.

Marsalek, che è anche austriaco, era responsabile dell’attività di Wirecard in Asia, la sede al centro dei sospetti per aver gonfiato le sue attività e le sue entrate. Tuttavia, le Filippine non hanno un trattato di estradizione con la Germania.

Gli analisti rimangono piuttosto cauti per le previsioni sulla quotazione. Senza lo scandalo, la società continuava a registrare un’importante crescita nel proprio settore. Ora le carte in tavola sono cambiate e ciò obbliga alla cautela.

 

Altri articoli dello stesso autore: