Le azioni di diverse società di energia alternativa stanno rimbalzando dopo i recenti cali estesi dell’ultimo periodo. In particolare, si tratta di società attive nel settore delle celle a combustibile a idrogeno. Infatti, le azioni Nikola, così come quelle di Plug Power e Bloom Energy, sono scese tra il 39% e il 57% negli ultimi tre mesi. Questa settimana, tuttavia, il sentiment degli operatori del trading online sembra essere cambiato verso una spinta a questi titoli. A partire dalle 15:45 di Mercoledì scorso, le azioni di Nikola, Plug e Bloom Energy sono aumentate rispettivamente del 6,3%, 5,8% e 5,1%.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Cosa significa questo rialzo?

Ciascuno dei nomi sopramenzionati ha avuto diversi problemi nell’ultimo anno. Nikola è stata presa di mira dai venditori allo scoperto per aver sovrastimato la capacità della sua tecnologia semitruck e di altri elementi. La situazione emersa ha costretto il fondatore e presidente Trevor Milton a dimettersi lo scorso anno.

Al contempo, Plug Power ha affermato che dovrà ridefinire tre anni di dati finanziari relativi alla contabilità dei warrant emessi ai clienti come incentivi. E Bloom Energy è stata oggetto di un articolo del Wall Street Journal nel dicembre 2020 che ha evidenziato le stesse problematiche di Nikola.

Tuttavia, tutte e tre le aziende hanno continuato a far progredire le tecnologie energetiche alternative che pubblicizzano e negli ultimi mesi hanno tutte compiuto dei progressi. Oggi sembra che gli investitori si sentano come se la rotazione dai titoli high-tech e ad alta crescita verso i settori ciclici e le azioni value potrebbe essere andata abbastanza lontano.

E adesso cosa succederà?

Nessuna di queste società è ancora redditizia. A dirla tutta, Nikola non ha ancora nemmeno un prodotto commerciale. La società ha appena portato i suoi primi prototipi di camion elettrici a batteria nella sua struttura in Arizona, dallo stabilimento tedesco in cui sono stati costruiti, per ulteriori test. La società ha anche mappato i suoi piani per i veicoli elettrici a celle a combustibile a idrogeno (FCEV) che seguiranno.

Plug ha fatto invece sapere che la questione contabile sopramenzionata non cambierà i suoi progressi aziendali. E comunque non si tratta di elementi di cassa. Quindi non influirà sul suo bilancio. La società ha anche annunciato quest’anno diverse partnership e joint venture pianificate per espandere le proprie tecnologie di celle a combustibile in Europa. Preve inoltre la costruzione di due nuovi impianti di idrogeno verde negli Stati Uniti, mentre lavora per creare una rete in grado di supportare alternative alimentate a idrogeno nel settore trasporti.

Bloom annuncerà i risultati del primo trimestre 2021 il 5 maggio. La società potrebbe fornire agli investitori un aggiornamento sulle sue iniziative nell’ambito dell’idrogeno, dopo essersi unita alla coalizione “Hydrogen Forward” per promuovere lo sviluppo di questo tipo di alimentazione a livello nazionale. Bloom, in precedenza, aveva anche affermato che potrebbe raggiungere $ 1 miliardo di entrate nel 2021, nella fascia alta della sua previsione. Ciò rappresenterebbe una crescita del 26% rispetto alle entrate del 2020. Gli investitori dovrebbero monitorare qualsiasi progresso verso tale obiettivo, nonché i risultati aziendali degli altri nel settore.

È probabile che la volatilità di queste azioni a breve termine continuerà a meno che, o fino a quando, queste attività non saranno maggiormente consolidate.

Altri articoli dello stesso autore: