Il prezzo delle azioni Netflix è recentemente crollato dopo la chiamata agli utili del primo trimestre. La società ha superato le stime degli analisti sui massimi e sui profitti, ma la crescita degli abbonati e le indicazioni per il secondo trimestre hanno mancato le aspettative. In questo scenario, gli investitori del trading online stanno cercando di capire come si sta muovendo l’azienda, sollevando dubbi su alcune strategie.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: OBRInvest

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Netflix, la situazione finanziaria

Le entrate di Netflix sono aumentate del 24% anno su anno a 7,16 miliardi di dollari, battendo le aspettative di 20 milioni di dollari. Il suo reddito netto è balzato del 141% a $ 1,71 miliardi, o $ 3,75 per azione, superando le stime anche in questo caso. Il numero di abbonati a pagamento è cresciuto del 14% a 207,6 milioni, ma le previsioni indicavano un aumento a 209,7 milioni.

Per quanto riguarda il secondo trimestre, Netflix prevede che le sue entrate aumenteranno del 19% anno su anno a 7,3 miliardi di dollari. Il numero di abbonati dovrebbe aumentare dell’8% a 208,6 milioni. Tuttavia, gli analisti si aspettavano indicazioni per un aumento delle entrate del 20%, con una crescita degli abbonati dell’11%.

Questo rallentamento suggerisce che Netflix dovrà affrontare sfide importanti, man mano che la pandemia viene gestita e la concorrenza si surriscalda nel mercato dello streaming. L’azienda sta cercando di compensare la crescita più lenta degli abbonati con l’aumento  dei prezzi. Tuttavia, questa strategia potrebbe compromettere la sua capacità di competere con concorrenti più “economici”.

Di fronte a queste sfide, gli investitori certamente non si aspettavano che Netflix lanciasse un grande piano di riacquisto di azioni. Tuttavia, il consiglio di amministrazione della società ne ha appena approvato uno per 5 miliardi di dollari, senza una data di scadenza fissa. Che senso ha?

Netflix ha molti altri modi per spendere 5 miliardi

I riacquisti di azioni sono di solito un modo efficace per le aziende mature di spendere il denaro in eccesso, dopo aver colmato il debito ed esaurito i modi per espandere la propria attività. Netflix non è decisamente in queste condizioni.

L’azienda ha ancora un bilancio disordinato e molte opportunità di investimento.

La società ha concluso il primo trimestre con 8,4 miliardi di dollari di liquidità ed equivalenti, generando un flusso di cassa libero di 692 milioni di dollari. Tuttavia, il brand sta ancora gestendo 699 milioni di dollari di debito a breve termine e 14,9 miliardi di dollari di debito a lungo termine.

Netflix prevede di spendere oltre 17 miliardi di dollari in nuovi contenuti quest’anno, mantenendo il suo debito lordo totale tra i 10 ei 15 miliardi di dollari.

La strategia di bilanciamento potrebbe però essere difficile da realizzare. Infatti, mentre la sua crescita decelera, i rivali ben finanziati come Walt Disney, AT&T’s HBO Max, Apple  e Amazon aumenteranno tutti la loro spesa per contenuti originali. Stanziare 5 miliardi di dollari per i riacquisti di azioni, in questo scenario di sfide, è una mossa davvero strana.

Le ipotesi

Il prezzo delle azioni Netflix è aumentato di quasi il 20% negli ultimi 12 mesi e viene scambiato a circa 40 volte gli utili a termine e otto volte le vendite di quest’anno.

Queste valutazioni non sono troppo alte per un’azienda che dovrebbe aumentare i propri ricavi e utili rispettivamente del 19% e del 71% quest’anno. Tuttavia, $ 5 miliardi rappresentano solo circa il 2% del valore aziendale di Netflix. Il che significa che l’intero riacquisto non ridurrà in modo significativo il suo flottante e non aumenterà il suo EPS.

Invece, Netflix utilizzerà probabilmente i suoi riacquisti per compensare la diluizione della propria compensazione basata su azioni, che ha generato un aumento del numero di azioni in circolazione di oltre il 3% negli ultimi cinque anni. In tal caso, gli investitori al dettaglio di Netflix non trarranno alcun vantaggio dal piano di riacquisto.

Netflix dovrebbe rafforzare le sue difese

La società ha recentemente affermato che la sua priorità resta quella di investire strategicamente nella crescita del business. Ma ha anche confermato la volontà di restituire la liquidità in eccesso ai suoi azionisti tramite riacquisti.

Tuttavia, secondo gli esperti, questo è decisamente il momento sbagliato anche solo per prendere in considerazione i riacquisti. Disney + ha raggiunto 94,9 milioni di abbonati lo scorso trimestre. HBO e HBO Max contano oltre 41 milioni di abbonati nazionali.

Apple ha recentemente superato i 600 milioni di abbonati a pagamento in tutti i suoi servizi. Amazon Prime ha recentemente superato i 200 milioni di abbonati in tutto il mondo.

Tutti questi concorrenti potrebbero penalizzare Netflix. La migliore difesa sarebbe quella di spendere costantemente in nuovi contenuti per attrarre sempre più utenti. Da qualsiasi punto di vista lo si guardi, il piano di riacquisto di azioni di netflix non ha alcun senso.

Altri articoli dello stesso autore:

  •  
  •  
  •  
  •