Le Azioni Disney, appartenenti ad uno dei marchi più iconici d’America, ha spesso rappresentato uno stock di base per molti portafogli a lungo termine prima della pandemia. L’azienda ha sempre mostrato una solida crescita e un dividendo interessante.

Disney ha offerto, di fatto, una combinazione vincente per il trading online a lunga scadenza. Il suo core business, che comprendeva parchi a tema e cinema, generava ingenti somme di denaro. La società utilizzava gran parte delle entrate per i pagamenti dei dividendi e per investire sulla crescita del brand.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Disney ha ancora un modello di business vincente?

Tuttavia, durante la pandemia, questo modello vincente si è sgretolato. L’azienda è stata costretta a chiudere le attrazioni su cui aveva costruito il suo marchio e ad adottare una serie di misure di riduzione dei costi. Infatti, sono stati eliminati i dividendi e licenziati migliaia di lavoratori.

Durante il trimestre più recente, le entrate totali di Disney sono scese del 22% a 16,25 miliardi di dollari. Il calo delle vendite è stato evidente sia nella distribuzione dei media e dell’intrattenimento, sia nei segmenti di parchi, esperienze e prodotti. In quest’ultimo gruppo, i ricavi sono crollati di oltre la metà.

Per gli investitori a lungo termine, la domanda più grande per il futuro è: Disney sarà in grado di tornare alla normalità una volta contenuta la pandemia?

A giudicare dal potente rally delle azioni Disney, che hanno guadagnato oltre il 90% nell’ultimo anno, sembra che gli investitori abbiano valutato un futuro più redditizio per la più grande azienda di intrattenimento del mondo. Dopo un anno devastante dal punto di vista delle chiusure, il titolo ha chiuso la seduta di ieri a $ 185,53, dopo aver toccato un massimo record all’inizio di questo mese.

Ritorno alla normalità

Ci sono alcune prime indicazioni sul fatto che la Disney stia lentamente tornando alla normalità, mentre le dosi dei vaccini somministrate negli Stati Uniti aumentano di giorno in giorno. Il 17 marzo, la società ha annunciato la riapertura dei parchi Disneyland e Disney California Adventure per il 30 aprile. Queste attività sono state ferme per più di un anno.

La compagnia ha anche confermato che più di 10.000 dipendenti torneranno al lavoro. Il parco a Orlando, in Florida, ovvero il Walt Disney World, è stato riaperto lo scorso luglio con alcune restrizioni.

Con queste riaperture, ciò che è diventato più eccitante per Disney è che la pandemia ha accelerato l’espansione dell’azienda verso l’intrattenimento digitale. Il brand si è subito posizionato come attore importante nel mercato in rapida espansione dello streaming video.

Il servizio di streaming Disney +, che compete con Netflix (NASDAQ: NFLX) e altri concorrenti, ha segnato 100 milioni di abbonati questo mese. E mira a raggiungere 260 milioni di abbonati entro il 2024. Gli analisti di Goldman Sachs, tra i maggiori tori sulle azioni Disney, hanno impostato un obiettivo di prezzo di $ 225 sulle azioni.

Secondo gli esperti, dunque, la redditività a lungo termine delle attività Disney è intatta.

Conclusioni

La Disney ha certamente perso parte del suo fascino come titolo fortezza” per tutti coloro che scelgono di investire in azioni sul lungo termine, in particolare quando è stata costretta ad eliminare il suo dividendo. Tutto questo, però, ha accelerato il passaggio dell’azienda allo streaming che ha compensato la chiusura di parchi e negozi.

La Disney probabilmente non riprenderà l’emissione dei dividendi nell’immediato, ma ci tante ragioni per mantenere una posizione di acquisto sul titolo a lunga scadenza.

Altri articoli dello stesso autore: