Il Congresso USA vuole cambiare il modo in cui la Federal Aviation Administration certifica gli aerei. In particolare si fa riferimento ai grossi velivoli aerospaziali commerciali Boeing e Airbus. La legge, recentemente introdotta da due senatori, rappresenta una nuova puntata della saga del 737 MAX. L’impatto sulle Azioni Boeing è stato immediato e in negativo. Tuttavia, diversi analisti sostengono che non sia il nuovo provvedimento il motivo del calo del Titolo. Secondo questi esperti, il mercato ha troppo a cui pensare per preoccuparsi dell’approvazione dei futuri modelli di jet.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250€

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200€

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Iq Option

Deposito: 10€

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

*Terms and conditions apply

Azioni Boeing: quotazione attuale e previsioni

Il Titolo Boeing ha chiuso la settimana di mercato in calo del 2,74%, a quota 187,02 dollari. Nella giornata di martedì 16 giugno, la quotazione superava i 200 USD. Un ribasso significativo che riporta la variazione su 1 anno in negativo di oltre il 50%.

La Boeing, nel mese di Maggio, ha consegnato solo quattro nuovi aerei. Inoltre, continuano le indagini sugli incidenti del 737 MAX e l’azienda attende con impazienza una nuova certificazione per l’aereo, entro il terzo trimestre di quest’anno.

Se a tutto questo si unisce il nuovo provvedimento del Congresso USA, per Boeing non sarà facile essere in grado di volare e produrre più jet commerciali nel breve termine.

Questa situazione, a livello complessivo, mina la fiducia degli investitori nei confronti del Titolo. Più in generale, in questo momento, il mercato globale sta affrontando nuovi timori su una possibile nuova ondata di contagi da coronavirus.

L’aumento tardivo del traffico passeggeri dipende in gran parte dallo sviluppo e dalla distribuzione di un vaccino per il COVID-19. Nonostante le previsioni fiduciose per un vaccino entro la fine dell’anno, sembrano esserci poche possibilità che ne venga distribuito uno nella prima metà del 2021.

Ciò indica che il traffico passeggeri non riprenderà ai livelli pre-pandemici fino al 2023 circa. Gli attuali 14.000 jet fermi saranno utilizzati per primi per soddisfare l’aumento del traffico. La prima e più grave conseguenza sarà la riduzione della domanda di nuovi aerei che sta mettendo Boeing in ginocchio già ora.

Boeing è indietro rispetto alla concorrenza

Chi desidera fare Trading su Azioni Boeing deve anche tenere conto dei competitors del colosso statunitense. Negli ultimi anni, l’azienda si è concentrata sulla fornitura di aerei a doppia navata, il 787 Dreamliner e il 777X.

Airbus ha invece investito su una versione più lunga del popolare A321, a navata singola. Secondo gli addetti ai lavori, questo sarebbe il modello più richiesto.

L’A321XLR viene ora utilizzato in sostituzione per alcune rotte che, precedentemente, sono state sempre gestite con jet più grandi a doppia navata. Il che significa che la domanda di nuovi aerei, quando avanzerà, si concentrerà su jet più piccoli ed economici.

I 737 Max 9 e Max 10 di Boeing non possono eguagliare operativamente l’aereo Airbus. Pertanto, Boeing dovrà offrire sconti più consistenti sui suoi aerei, per essere competitivo. Un futuro tutto in salita per la società e gli investitori lo stanno percependo.

Altri articoli dello stesso autore: