Il produttore tedesco di abbigliamento sportivo Adidas AG ha previsto un forte rimbalzo delle vendite nel 2021, in particolare in Cina, nel resto dell’Asia e in America Latina. Questa previsione arriva nonostante la riduzione dei profitti derivante dai costi associati alla separazione del marchio Reebok.

Le previsioni per il 2021 fanno parte di una strategia quinquennale che Adidas presenta oggi. Al momento, chi ha deciso di investire in Azioni Adidas può contare su un ottimo rialzo della quotazione che sta viaggiando a +3,60%, oltre i 293 euro per azione. Su dodici mesi, il prezzo è salito di oltre il 24%.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

67% of investor lose money

Piattaforma: ForexTB

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

Piattaforma: FXPN

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

Your capital is at risk

La situazione finanziaria di Adidas

Le vendite del quarto trimestre sono aumentate dell’1% (a parità di cambio) a 5,55 miliardi di euro (6,59 miliardi di dollari). L’utile operativo è sceso leggermente a 225 milioni di euro, rispetto ai 5,47 miliardi e 202 milioni di euro previsti dagli analisti.

Circa la metà dei negozi del brand sono rimasti chiusi in Europa nel periodo esaminato, ma le vendite online sono cresciute del 43%.

Al momento, oltre il 95% degli store Adidas ha riaperto e la società prevede una crescita delle vendite a un tasso medio-alto-profilo su base valutaria neutra nel 2021. L’aumento dovrebbe spingersi fino al 30% nella grande Cina, il resto dell’Asia e l’America Latina.

La rivale Puma ha dichiarato, il mese scorso, che si aspetta che l’impatto finanziario dei lockdown duri fino al secondo trimestre. Tuttavia, la società ha ritenuto che la crescita globale dell’economia dovrebbe innescare un forte miglioramento per i successivi trimestri.

La nuova strategia

Come parte della sua nuova strategia, Adidas gestirà la Cina come un mercato separato dal resto dell’Asia. L’azienda ha inoltre integrato Europa, Russia e mercati emergenti in una nuova regione costituita da Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA).

Per l’EMEA, Adidas prevede una crescita delle vendite nella fascia di età medio-alta, ma solo ad una cifra in Nord America.

L’utile netto dell’attività continuativa dovrebbe salire tra 1,25 e 1,45 miliardi di euro.

Tuttavia, Adidas ha affermato di aspettarsi un aumento di circa 250 milioni di euro per quanto riguarda l’utile operativo e di 200 milioni per l’utile netto. Questi dati includono i costi per la costituzione di Reebok come società autonoma, che rappresenteranno ancora 1/3 dei costi nel 2022, ma si azzereranno nel 2023.

Nell’ambito del trading online, la mossa di Adidas di scorporare Reebok ha generato una maggiore fiducia sul brand tedesco da parte degli investitori. Reebok, infatti, a 15 anni dall’acquisto, risultava un marchio sottoperformante.

L’azienda aveva tentato questa strada per aumentare la propria competitività nel duello con la rivale Nike Inc. Un duello che il brand statunitense, attualmente, sta vincendo. Le Azioni Nike, su dodici mesi, registrano un rialzo di oltre il 60%. Il titolo vale attualmente 136.52 dollari, al netto degli scambi del pre market per la seduta odierna.

Altri articoli dello stesso autore: