Apple terrà un evento multimediale martedì 10 settembre 2019 in cui il CEO Tim Cook e co. sono ampiamente disponibili per annunciare tre nuovi modelli di iPhone, Apple Watch Series 5, AirPods 3 impermeabili e uno speaker smart HomePod più piccolo. Sono già state sentite alcune curiosità sulla line-up dell’iPhone di prossima generazione, che presumibilmente porrà l’accento sulla fotografia.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKERVANTAGGIDEPOSITO MINIMOAPERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Su cosa spingerà Apple i prossimi mesi?

Il cosiddetto iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max avrà un modulo fotocamera incredibilmente grande per ospitare tre fotocamere e un flash LED che apparentemente porterà un obiettivo ultra-wide alla gamma di smartphone Apple per la prima volta. Il successore di iPhone Xr, soprannominato iPhone 11r, raddoppierà il numero di obiettivi della fotocamera da uno a due. Altrove, le fonti affermano che il prossimo iPhone prenderà uno spunto dal playbook Galaxy S10 e Huawei Mate 20 Pro e consentirà agli utenti di caricare in modalità wireless accessori o altri telefoni dal retro del telefono.

Un veloce-caricatore metallico sarà anche in bundle nella confezione, Face ID verrà aggiornato in modo che funzioni in un orientamento orizzontale, una sostituzione per il 3D touch sarà incluso, e anche alcuni nuovi colori sgargianti. Il prossimo iPhone 11r sembra essere emerso sul sito di benchmarking Geekbench, rivelando alcuni dei dettagli più attesi sui suoi interni. Per chi non lo sapesse, i punteggi benchmark, come quelli condivisi su Geekbench 4, sono progettati per aiutare gli utenti a confrontare rapidamente le prestazioni tra dispositivi diversi, inclusi quelli su piattaforme diverse.

Pertanto, indipendentemente dalla marca del chipset e dal sistema operativo, maggiore è il punteggio, migliore è. Secondo il risultato del benchmark dell’iPhone, il prossimo modello sarà alimentato da un chipset a 6 core a 2,66 GHz, che sarà probabilmente marchiato A13, seguendo lo schema stabilito con il precedente sistema su chip sviluppato da Apple. Quel processore sarà abbinato a 4 GB di RAM, rivela l’elenco di Geekbench 4.

IPhone Xr sfoggia 3 GB di RAM

Nonostante quel numero relativamente basso, specialmente se confrontato con i 12GB francamente mostruosi trovati come OnePlus 7 Pro, Samsung Galaxy S10 5G e Galaxy Note 10+ 5G – l’iPhone 11r ha raggiunto un sorprendente punteggio single-core di 5.415. Quella cifra demolisce gli smartphone Android rivali e il suo predecessore e potrebbe finalmente riportare gli speculatori a investire su Apple. Se ciò non è stato abbastanza sorprendente, il punteggio multi-core di 11.294 è esattamente lo stesso del precedente iPhone.

I risultati di Geekbench variano leggermente tra i modelli, con il punteggio medio multi-core di iPhone XR leggermente inferiore a 11.294 che questo iPhone 11r ha segnato. Ma ci sono alcuni modelli di iPhone XR che sono riusciti a ottenere punteggi più alti di questo presunto iPhone 11R. Ciò significa che potremmo aspettarci modesti guadagni dal chipset Apple A di nuova generazione. Il sistema operativo che verrà fornito con il prossimo round di hardware per iPhone, iOS 13, offrirà una serie di miglioramenti delle prestazioni, rendendo gli smartphone più veloci indipendentemente dal silicio all’interno.

È possibile che al posto della velocità pura, Apple si concentrerà sull’efficienza per una maggiore durata della batteria con l’A13 – qualcosa che sarà essenzialmente quando si introducono funzionalità come la ricarica wireless inversa. Per fortuna, non c’è molto da aspettare fino a quando non sapremo esattamente cosa sta pensando Apple. La compagnia terrà il suo atteso evento mediatico la prossima settimana allo Steve Jobs Theater nella sua sede spaziale a Cupertino, in California. Sarà anche l’ultimo evento con Sir Jony Ive come Chief Design Officer dell’azienda.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error