Negli ultimi giorni, l’instabilità che precede come di consueto le elezioni europee di questo fine mese, sta portando delle variazioni molto interessanti ai prezzi di molte banche quotate nelle principali borse del Vecchio Continente.

Stiamo infatti assistendo a moltissime contrattazioni tra le varie banche, per trovare il modo di unirsi e non perdere la fiducia dei creditori, anticipando una possibile crisi.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

BROKER VANTAGGI DEPOSITO MINIMO APERTURA CONTO
Corsi e Webinar Gratis
Indicatori Gratis
Segnali in piattaforma e via sms
Demo Gratis
250 EURO
Demo Gratis
2000+ Asset Disponibili
Spread agevolati
Piattaforma professionale
100 EURO

Quali dati abbiamo sulle banche europee?

La maggior parte delle banche europee infatti, sta riuscendo a mantenere una stabilità inattesa e positiva, aspettando l’assetto del nuovo parlamento all’inizio del prossimo mese, per poi tentare un andamento rialzista, offrendo molte opportunità a chi vuole investire in borsa.

Quella che però sta sicuramente superando negativamente le aspettative è Unicredit, che dopo un tentativo di rialzo molto forte a inizio mese, si trova ora a lottare per mantenere il suo prezzo sopra i 10 euro.

Sembra infatti incredibile la situazione attuale dell’asset, se pensiamo che la prima settimana di maggio ha addirittura superato quota 20 euro, lasciando sperare gli investitori in un allungo atteso per molti mesi.

Dopo la giornata di ieri che ha portato infatti il prezzo a 16 euro, oggi si è addirittura toccato quota 9.55, dopo il discorso del premier Salvini sul deficit che ha trasmesso nei creditori una sfiducia che ne ha causato il forte ribasso.

È importante però capire il perchè di questa situazione che apparentemente è disastrosa, per capire se ci può effettivamente essere un cambio di rotta o ci stiamo preparando alla fine di un’era.

L’andamento in borsa delle banche e la situazione politica

L’andamento in borsa delle banche, rispecchia la situazione generale dell’economia del paese e attualmente il disordine politico ed economico che stiamo affrontando in Italia, rende il tutto molto negativo.

Quando però le banche non possono basarsi sulla forza economica del proprio paese, devono muoversi di conseguenza e trovare delle alternative valide per non perdere la fiducia dei creditori.

Unicredit ha quindi deciso oggi di avanzare una proposta molto interessante alla banca tedesca Commezbank per riacquistare importanza e fiducia, ma soprattutto per riportare il suo valore a un livello accettabile.

Se dovesse concretizzarsi il tutto in questi giorni, le azioni Unicredit potrebbero infatti subire un rialzo fortissimo e riportarsi in prossimità dei 20 euro.

Sono quindi molte le opportunità a lungo termine su Unicredit in questo mese ed è quindi importante sfruttarle, sperando in un rialzo nel breve e lungo termine.

È presto per parlare della fine di Unicredit, anzi è forse meglio parlare di un prossimo rilancio.

Altri articoli dello stesso autore:

Condividi l'articolo con i tuoi amici
error
Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.