Secondo quanto riportato da Reuters.com, l’autorità di vigilanza finanziaria indiana prevede di accelerare un’indagine antitrust, avviata per accertate le accuse di comportamento anticoncorrenziale, nei confronti di Amazon.com Inc (NASDAQ:AMZN) e di Flipkart di Walmart Inc (NYSE:WMT). Più in generale, il paese starebbe intensificando il controllo sulle grandi aziende tecnologiche.

La notizia arriva nel bel mezzo di una forte disputa tra i big tech e Nuova Delhi, per diverse questione legate alla privacy e alle politiche operative.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Etoro

Deposito: 50$

Licenza: Cysec

  • Demo Gratis
  • Copy e Social Trading

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

68% of investor lose money

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Indicatori e Segnali Operativi
  • Demo gratis

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

72% of investor lose money

Piattaforma: IQ Option

Deposito: 10$

Licenza: Cysec

  • Copy Trading
  • Segnali di Investimento

⭐⭐⭐⭐⭐

RECENSIONE

73% of investor lose money

Amazon VS New Delhi

La Commissione per la concorrenza dell’India (CCI) aveva avviato un’indagine nel gennaio dello scorso anno sulla base di una denuncia secondo cui Amazon (ma anche Flipkart) promuoveva venditori selezionati sulla propria piattaforma di e-commerce. Gli sconti attuati avrebbero danneggiato in modo significativo la concorrenza.

Naturalmente, la compagnia fondata da Jeff Bezos ha negato i comportamenti illeciti.

L’indagine è poi rimasta bloccata per oltre un anno a causa di controversie legali. Tuttavia, secondo alcuni fonti intercettate da Reuters, il governo indiano avrebbe deciso di stringere i controlli e accelerare la sentenza.

Più in generale, la CCI sta accelerando tutti i casi che coinvolgono grandi aziende tecnologiche, anche dispiegando ulteriori funzionari per alcuni casi e lavorando a scadenze interne più rigorose.

Di fatto, i casi che coinvolgono le aziende digitali stanno diventando una priorità alla CCI in quanto possono avere un impatto significativo sull’economia e sulle startup indiane.

Tra le aziende coinvolte nell’operazione dell’antitrust indiana ci sono anche Google, Facebook e Twitter.

L’indagine su Amazon riprende in un momento in cui la società sta combattendo le accuse dei rivenditori offline secondo cui la sua complessa struttura aziendale consentirebbe al colosso statunitense di eludere le regole sugli investimenti esteri per l’e-commerce.

Quotazione Amazon oggi 15 giugno

Le Azioni Amazon hanno chiuso l’ultima seduta di mercato in rialzo dell’1,11%, a quota 3,383.87 dollari. Il massimo di 52 settimane è fissato a 3,554 dollari. Su dodici mesi, il titolo registra una crescita del 32,96%.

Nel pre market di oggi, la risorsa è in lieve ribasso dello 0,05%. Attualmente, la compagnia ha una capitalizzazione di mercato di 1.71T, con oltre 504,3 milioni di azioni in circolazione e un rapporto P/E di 64.40.

Le previsioni a medio e lungo termine rimangono piuttosto positive. L’azienda aumenta crescita e diversificazione. Nella seconda metà di questo mese si terrà il Prime Day, un evento che generalmente genera un’impennata delle vendite per la società. Il che si traduce spesso in una crescita delle azioni.

Nel complesso, tra ampliamenti e nuove acquisizioni, la compagnia sta puntando alla leadership in diversi settori. Oltre all’e-commerce e annesso sistema logistico, Amazon risulta particolarmente attiva nell’ambito dell’intrattenimento streaming.

Gli analisti hanno quasi tutti un rating di acquisto sul titolo sia nel medio che nel lungo termine. Il titolo Amazon rimane un punto di riferimento senza pari nel trading online, sia per i professionisti che per i neofiti del gioco in Borsa.

Altri articoli dello stesso autore:

Il nostro voto
Sommario
Amazon, l’India accelera l’indagine antitrust sull’azienda
Nome Articolo
Amazon, l’India accelera l’indagine antitrust sull’azienda
Descrizione
Azioni Amazon in rialzo nell'ultima seduta di mercato, mentre il CCI indiano accelera l'indagine antitrust contro l'azienda: i dettagli.
Autore
Sito Editore
TradingCenter.it
Logo Editore